L’outdoor entra nelle scuole – Una nuova dimensione d’apprendimento per le scuole primarie e secondarie

di Luca Gelati (1)

Neurosystemics n° 12/2018

surviving kids

Il progetto “Surviving Kids”, un programma multidisciplinare di sport educativi legato alla dimensione avventura ed adattato agli schemi cognitivi e motori dell’età evolutiva, in questa stagione scolastica, è stato approvato dall’Istituto Comprensivo San Martino Borgoratti ed avviato per la prima volta dalla Scuola Infanzia e Primaria Gioiosa di Bavari con il percorso “FuoriClasse 2017/18”.

L’Orienteering, le arti marziali tradizionali e la scherma medioevale, il tiro con arco dinamico, Il tree climbing, il riconoscimento delle piante della fauna locale e l’arte dei nodi sono solo alcune delle attività che si sono svolte a Bavari nel bosco di castagno di Monterosato.

Le Maestre coinvolte, dopo essere state introdotte al modello OMT® – Outdoor Management Training® di Marco Rotondi (IEN, Istituto Europeo Neurosistemica), hanno intrapreso una vera e propria “sperimentazione didattica” con oltre 100 alunni durante tutta la stagione.

Da Ottobre a Giugno, si è avviata una nuova didattica per competenze, che sembra essere la vera sfida della Scuola di oggi.

Si è cercato in questo contesto di rendere significativo il percorso di apprendimento di ciascun alunno, favorendo l’inclusione e dando l’opportunità ad ogni bambino di scoprire il proprio stile di apprendimento.

La didattica tradizionale è stata così “ribaltata” offrendo primariamente esperienze formative e competenze trasversali, grazie alle quali gli alunni hanno avuto la possibilità di costruire percorsi di apprendimento personali, attivi ed immersivi con i propri compagni.

La didattica esperienziale, come la formazione esperienziale scelta dalle Aziende nei Contest di Teambuilding per i Top Manager, ha permesso agli alunni di imparare a progettare, a formulare ipotesi, ad individuare collegamenti e relazioni, a sentire, riconoscere e moderare le proprie emozioni, ad interpretare informazioni e risolvere problemi.

Attraverso l’esperienza di gruppo, gli alunni hanno imparato a comunicare, a collaborare tra loro, ad agire in modo autonomo e responsabile ed a puntare sulla collaborazione reciproca piuttosto che sulla competizione.

Al termine di ogni bimestre agli alunni è stato somministrato un questionario di autovalutazione ed uno di osservazione sui comportamenti dei propri compagni per capitalizzare indicazioni oggettive sul lavoro svolto anche dal loro preziosissimo punto di vista.

In questo modo si sono potute osservare, in grafici aggregati e da una prospettiva tutta nuova, le tre dimensioni delle Competenze di Cittadinanza:

  • la Costruzione del Sé,
  • la capacità di interagire con gli altri,
  • il rapporto tra il sé e l’ambiente esterno.

che tradizionalmente sono sempre e solo state valutate dalle Maestre, secondo le indicazioni del Ministero della Pubblica Istruzione, a metà ed a fine anno scolastico.

A conclusione del percorso “Bavari Fuoriclasse”, Il progetto Surviving Kids, in primavera ha raddoppiato l’impegno con il centro estivo “estate ragazzi 2018” dell’Oratorio Salesiano di Genova Quarto, accogliendo 20 bimbi e ragazzi dai 7 ai 13 anni a Bavari.

Dopo essere stato approvato dal DIMES come Attività Didattica Elettiva dell’Università di Medicina di Genova con 2 Crediti Formativi, il progetto, ha accolto dieci studenti di Scienze Motorie, che nelle ultime due settimane di Giugno, hanno potuto svolgere attività pratiche e teoriche sulla didattica esperienziale ed emotiva, ed avviare alcune importanti azioni educative legate all’educazione alimentare.

Oltre agli Studenti di Scienze Motorie, nel centro estivo Outdoor di Bavari, sono stati coinvolti anche Dottorandi e Studenti del DIBRIS – Università di Informatica di Genova, che hanno potuto collaudare una web-app sul Rogaining, un nuovo Format di Smart-Orienteering a pattuglie, che è stato successivamente erogato con grande successo il 5 Luglio a Stresa (VCO), in un contest Aziendale con 150 partecipanti suddivisi in 10 squadre.

Il progetto Surviving Kids è stato ispirato dalla formazione aziendale outdoor e si è presentato al mondo Scuola con l’obiettivo di rinnovare la didattica ed i metodi di istruzione tradizionali.

Dall’esperienza attiva con le Maestre dell’Infanzia e della Primaria, con gli scolari e con gli Studenti dell’Università di Scienze Motorie e di Informatica di Genova, sono stati implementati nuovi Format di Teambuilding che dalla primavera ad oggi già hanno riscontrato lodevoli approvazioni ed ottimi feedback.

Il primo ciclo così si è chiuso, ma il nostro Comitato Scientifico, è già pronto a riattivarne un secondo nella prossima stagione. Con la piena speranza di poter raccogliere fondi pubblici e privati che possano permettere di esportare i principi della didattica esperienziale, verso il più alto numero di Istituti Comprensivi in Italia, e soprattutto senza pesare economicamente sulle famiglie degli alunni.

Il diritto allo studio ed alla formazione nell’età evolutiva deve essere gratuito e di alta qualità per tutti. Avere il coraggio di direzionare energie, competenze e risorse sull’istruzione dei propri figli e delle prossime generazioni è un dovere che spetta solo a noi.

I Leader di domani, ci sono già, aspettano solo di essere formati, aspettano solo l’opportunità di poter sbocciare e di poterci sorprendere con la loro freschezza, la loro purezza e la loro creatività.

Il progetto “Surviving Kids” è pronto a cogliere la sfida!

 

 

 

____________________________

(1) Practitioner OMT® certificato